Reddito di Inclusione - REI

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Mercoledì 18 Ottobre 2017 07:36

Si comunica che:

 

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del  Decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017 si conclude il percorso di attuazione del Reddito di inclusione, la nuova misura unica di contrasto alla povertà.

 

Pertanto, a partire dal 1° dicembre 2017, le famiglie in possesso dei requisiti familiari ed economici previsti dal decreto potranno richiedere il REI presso il proprio Comune di residenza o eventuali altri punti di accesso che saranno indicati dai Comuni. In linea generale, il REI prevede un sostegno economico (fino a un massimo di circa 485 euro mensili, per le famiglie più numerose) accompagnato da servizi personalizzati per l'inclusione sociale e lavorativa. Il sostegno economico varia in base al numero dei componenti il nucleo familiare e alle risorse di cui la famiglia dispone per soddisfare i bisogni di base. Il beneficio viene concesso dall'INPS che, con una propria Circolare, renderà disponibili il modulo di domanda e ulteriori istruzioni operative.

 

Dal 1° gennaio 2018, il REI sostituirà il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione).

 

Poiché il SIA è concesso ogni due mesi per le domande presentate nel bimestre precedente, a decorrere dal 1° novembre 2017 la richiesta per il SIA non potrà più essere proposta. Coloro che stanno già beneficiando del SIA continueranno a percepire il relativo beneficio economico per tutta la durata e secondo le modalità previste.
Se i beneficiari del SIA soddisfano anche i requisiti per accedere alla nuova misura, potranno richiedere la trasformazione del SIA in REI.

 

Per quanto riguarda l'ASDI, la domanda potrà essere presentata fino al 30 gennaio 2018 per coloro che abbiano terminato la NASPI entro il 31 dicembre di quest'anno.

 

Per scoprire come funziona il REI, visitare l'Area dedicata del sito di Ambito cliccando al seguente link: Area adulti in difficoltà - REI

 

PROGRAMMA RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO E REINTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI PRESENTI IN ITALIA - Finanziato dal Ministero dell'Interno

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Martedì 05 Settembre 2017 10:59

Con Deliberazione n. 12 del 01.09.2017, il Coordinamento Istituzionale ha aderito in qualità di Ente segnalante al Programma "Ritorno Volontario Assistito e Reintegrazione” finanziato dal Ministero dell'Interno – Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione – ed implementato dalla Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM).

Il Progetto ha l'obiettivo di offrire e facilitare l'accesso alla misura del Ritorno Volontario Assistito e alla Reintegrazione ed è rivolto a cittadini di paesi terzi in Italia, regolari e irregolari, richiedenti asilo, in difficoltà e vulnerabili, così come quelli con problemi di salute e anziani.

Le attività verranno realizzate in stretta sinergia con il progetto RISTART, finanziato dal fondo FAMI, al fine di potenziare ulteriormente lo strumento del ritorno volontario e contribuire alla corretta gestione dei flussi migratori.

Attraverso il personale dell'OIM dedicato, il programma garantisce:

attività di divulgazione, informazione e counseling pre-partenza, organizzazione del viaggio, fornitura biglietti;

- assistenza e accompagnamento dei richiedenti beneficiari;

erogazione di un'indennità di prima sistemazione pari a 400 euro in contanti da corrispondere a tutti i beneficiari prima della partenza;

- contributo alla reintegrazione in beni e servizi erogato nei paesi di origine tramite gli uffici OIM in loco e da assegnare a tutti i beneficiari nella misura di 1600 euro per singoli e capi famiglia, 800 euro per i parenti maggiorenni a carico e 480 per i minorenni a carico;

e altre attività che potranno essere meglio esplicitate dalla Regional Counsellor per la Regione Puglia e referente per l'Ambito di Nardò, Dott.ssa Mariangela Tarantino che riceverà su appuntamento gli interessati al Progetto presso la sede dell'Ufficio di Piano, in via G. Falcone, a Nardò.

Per maggiori informazioni contattare il numero 366-6142982 o visitare le pagine www.italy.iom.int   www.iom.int

 

Il progetto è già attivo e scade il 31 dicembre 2017.

 

ASSEGNO DI CURA - 2017

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Martedì 05 Settembre 2017 10:27

Nel mese di luglio 2017 hanno preso avvio in Puglia le procedure per l’attivazione della misura Assegno di cura per le gravissime non autosufficienze, che è e sarà finanziato annualmente con risorse del Fondo Nazionale non Autosufficienza e del Fondo Regionale non Autosufficienza, per almeno 30 milioni di euro annui, sulla base del profilo di gravità della condizione di non autosufficienza e della titolarità di indennità di accompagnamento. In presenza di un numero di domande più elevato rispetto alla dotazione di risorse disponibili, sarà considerato come criterio di priorità un punteggio complessivo assegnato al profilo di fragilità socio-economica familiare.

A partire dalle ore 12 del 1° settembre 2017 è possibile effettuare le domande, purchè in possesso di una certificazione ISEE 2017, basata sull’ISEE ordinario o familiare, e capace di far estrapolare il valore dell’ISEE reddituale.

Le domande possono essere presentate tra il 1 settembre ore 12:00 e fino al 2 ottobre 2017 ore 12:00.

Dalla piattaforma telematica, accessibile dalla pagina web regionale http://www.sistema.puglia.it, si può prendere visione:

  • della Del. G.R. n. 1152 dell’11 luglio 2017 che fissa criteri e modalità di accesso,
  • dell’Avviso pubblico regionale approvato con A.D. n. 502/2017,
  • del format di domanda che mostra quanto semplice sia a partire da quest’anno l’esercizio della compilazione della domanda, anche perché la Regione supporterà le ASL nella fase istruttoria assicurando la cooperazione applicativa per le verifiche relative alla condizione socio-economica del nucleo (composizione familiare, indicatore ISRE familiare, condizione lavorativa)
  • degli orari di apertura degli sportelli per le famiglie che in tutte le ASL sono nati alcuni anni fa per il supporto ai malati di SLA
  • di ogni altra informazione utile a comprendere il funzionamento della procedura.

 

Per ogni informazione riguardante la procedura di accesso e la misura dell’Assegno di Cura è possibile usufruire della funzionalità Richiedi INFO attiva sulla pagina regionale, per ottenere una risposta in forma scritta dalla struttura competente. Il Supporto tecnico, invece, potrà supportare per specifiche difficoltà nell’utilizzo informativo della piattaforma stessa.

A partire da lunedì 24 luglio si è reso possibile generare il codice utente per la profilatura dei bisogni.

 

Per gli ulteriori dettagli, si prega di prendere visione dell'avviso pubblico in allegato.

Avviso Assegno di cura 2017

 

RED. Manifestazioni d'interesse per realtà produttive attive nel territorio dell'Ambito di Nardò

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Martedì 13 Giugno 2017 08:05

Si rende noto che sono in fase di avvio i progetti di cui al primo Avviso pubblico di ReD, approvato con Del. G.R. n. 928 del 28 giugno 2016. Pertanto si informano le realtà produttive (piccole, medie e grandi dimensioni) attive nel territorio dell’Ambito di Nardò, le organizzazioni del Terzo Settore, le parrocchie, le OO.SS. e le Associazioni di categoria con le rispettive reti di CAF e Patronati, della possibilità di presentare manifestazioni di interesse con allegato progetto di inclusione in favore dei beneficiari di ReD.

 

Per accedere alla procedura di manifestazione di interesse occorre registrarsi come utente della piattaforma www.sistema.puglia.it accedendo al form on line (funzionalità Presentazione Domande – Manifestazioni di Interesse).

 

Si precisa che nessun onere sarà a carico di coloro che esprimeranno manifestazioni di interesse, trattandosi di servizi retribuiti ai beneficiari con fondi regionali.

 

SIGLATO PROTOCOLLO D'INTESA AMBITO DI NARDO' - OO.SS. CGIL SPI, CISL FNP e UIL PENSIONATI della provincia di Lecce

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Venerdì 25 Novembre 2016 04:27

NARDO'. Si è svolto oggi, 25 novembre 2016, un proficuo incontro tra le Organizzazioni Sindacali CGIL SPI, CISL FNP e UIL PENSIONATI e i Comuni dell'Ambito di Nardò nel corso del quale si è proceduto a sottoscrivere un importante protocollo d'intesa con ad oggetto le persone anziane e la necessità di dare voce ai loro bisogni, mettendo in atto azioni concrete ed integrate per il loro soddisfacimento.


La finalità del protocollo è di dar vita ad un modello di confronto, consultazione, contrattazione delle scelte di programmazione sociale comunale e di Ambito, al fine di garantire ampia tutela degli interessi, del benessere e della qualità di vita della popolazione anziana, sempre più in difficoltà a causa del perdurare della crisi economica e indebolita dalle modifiche delle strutture familiari e dalle dinamiche intergenerazionali, che vedono anziani sempre più anziani e giovani fuggire altrove in cerca di lavoro, circostanza che fa venir meno la presenza di figure di riferimento stabili nelle attività di cura e sostegno.


In questo contesto si inserisce il protocollo d'intesa che pone tra gli obiettivi temi fondamentali quali: programmazione sociale, fiscalità locale, lotta alla povertà e alla emarginazione sociale, potenziamento delle politiche di benessere sociale.


Tanti i punti di riflessione e nuovi obbiettivi da cui partire, con la consapevolezza che solo in un'ottica di rete e integrata si possono realizzare azioni mirate e concrete, per il ben-essere della comunità anziana, e non solo.

Al seguente link è possibile scaricare il Protocollo sottoscritto.

 

L’Ambito di Nardò dà il benvenuto a Facebook

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Venerdì 21 Ottobre 2016 10:34

Comunicato Stampa

NARDO’, 21/10/2016. Ad affiancare il sito web istituzionale anche la pagina ufficiale Facebook dell’Ambito di Nardò.

L’obiettivo è di rendere più agevoli e fruibili le informazioni ai cittadini che potranno ricevere risposte in tempo reale e dialogare con l’Ambito in modo semplice e veloce, con un solo click sulla tastiera del pc o lo schermo dello smartphone.

La pagina Facebook è raggiungibile attraverso il link www.facebook.com/ambitosociale3nardo da qualsiasi motore di ricerca.

Sarà possibile inviare domande tramite l’apposita area dedicata “Contattaci” o direttamente mediante la piattaforma Messenger.

Non solo, quindi, un nuovo canale social dell’Ambito, che si affianca a quello istituzionale già esistente, ma un nuovo spazio comunicativo, aperto, dinamico che supera la classica organizzazione burocratica e rinnova le procedure della Pubblica Amministrazione grazie alla rete virtuale.

Con la sua presenza anche su Facebook, l’Ambito di Nardò accorcia le distanze ed entra in diretto contatto con i suoi utenti mediante una nuova modalità di partecipazione condivisa e circolare tra i cittadini, che utilizzano normalmente i social media come strumento di comunicazione, e l’organo istituzionale, con uno sguardo rinnovato alla centralità della comunità locale.

Afferma l’Assessore alle Politiche Sociali Daniela Dell’Annala pagina Facebook è uno strumento che avvia un rapporto privilegiato con l’utente, portandolo ad un feedback costruttivo, immediato ed efficace”.

L'approdo dell'Ambito su Facebook è certamente una buona notizia. Ne guadagnano la trasparenza, la visibilità delle attività e delle informazioni veicolate dall'Ambito, la rapidità e la semplicità della comunicazione, la partecipazione. Ne beneficerà sia chi opera nell'Ambito, sia i cittadini” conclude il Sindaco di Nardò Giuseppe Mellone.

 

Servizi di Cura per l'Infanzia e gli Anziani non autosufficienti - Fondi PAC

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Giovedì 21 Luglio 2016 07:31

Con circolare n.5365 emanata in data 20 luglio 2016, l’AdG ha differito il termine di conclusione al 30 giugno 2018 per la realizzazione e la rendicontazione del Programma Nazionale Servizi di Cura per l'Infanzia e gli Anziani non autosufficienti, oggetto di finanziamento nell’ambito del Secondo riparto, anche per come rideterminato col decreto n.1220/PAC del 15 luglio u.s..

Le spese finanziate con il Primo Riparto dovranno essere ultimate e rendicontate entro il 30 novembre 2016, secondo quanto da ultimo previsto con la circolare 4854 del 21 giugno 2016.

 

pac

   

Relazione Sociale - Anno 2015

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Lunedì 11 Luglio 2016 08:26

Con deliberazione n°14 del 30 giugno 2016, il Coordinamento Istituzionale ha approvato la Relazione Sociale relativa all'anno 2015, predisposta dalll'Ufficio di Piano dell'Ambito Territoriale Sociale di Nardò.

In apertura della Relazione Sociale 2015 si anticipano i principali risultati conseguiti rispetto agli interventi programmati per la seconda annualità del Piano Sociale di Zona 2014-2016 e la loro conformità alle indicazioni definite dal Piano Regionale delle Politiche Sociali 2013-2015. In primis si rammenta l'obiettivo di fondo che questo Ambito ha riconfermato con la nuova programmazione: non limitarsi a definire l'utilizzo delle risorse assegnate, ma riposizionare il Piano Sociale di Zona affidandogli il compito strategico di mettere in relazione attori e risorse, di negoziare e promuovere sinergie e collaborazioni. Segue in Relazione Sociale 2015.